Iscriviti al mio Feed RSS

Non ti perdere i miei prossimi articoli!
Resta aggiornato iscrivendoti al mio Feed RSS!
Feed RSS via Mail di Enea Moro Feed RSS di Enea Moro

Windows e Antivirus: non ne faccio uso da anni!

windows e antivirus sono realmente necessari“Virus? Buttalo subito se ha un virus, vorrai mica ammalarti!”

Celebre frase di mia nonna qualche anno fà, stò ancora rotolando adesso dal ridere!

Forse storcerete il naso, forse mi riterrete uno sprovveduto, ma da anni non uso più antivirus.

No, il motivo non è il cambio di sistema operativo da Microsoft a Linux / Mac.
Uso Windows 7 da quando è uscito in commercio, e non ho mai utilizzato un software antivirus. Su Windows Vista avevo installato Avast antivirus. Questo software si mangiava parte della memoria di sistema, e spesso mi rallentava con le sue scansioni passive durante lavori pesanti con più programmi aperti.

Ogni tanto lo ammetto, qualche virus saltava fuori. Quella tipica sirena di Avast quando stavi per aprire exe strani non mancava mai.

Ma il file era realmente infetto?
No, semplicemente era rischioso aprirlo.

Ho sempre navigato in internet in maniera responsabile e conscio che dietro ad un download che finisce con un .exe / .bat et similia, può nascondersi un maleintenzionato con un dialer, uno script di format, un programmino passivo che ruba password, e chi più ne ha, più ne metta.

Credo che alla base di un Antivirus vi sia la necessità di creare un muro per quegli utenti che si sentono inesperti ed esposti a rischi. Il problema è che questi antivirus non sarebbero sufficenti.

Da quando non ho un’antivirus, il mio pc va una bomba. Non ho problemi di crash o programmi bloccati. Tutto scorre. Penserete che il motivo è perchè non sono consapevole di essere infettato.
Da scansioni online (e mi vien da ridere…), risulto avere migliaia di malware, risolvibili con l’acquisto di programmi poco conosciuti. Programmi molto conosciuti invece dicono che il mio PC non è infetto. Per curiosità ho installato di nuovo Avast, e non risulto avere virus o malware.

Dove sta la verità?

Stà nell’utilizzo che si fà del pc. Ai tempi che usavo quotidianamente MSN Messenger, ero soggetto a messaggi di spam frequenti del tipo:

“Ti invio le mie foto in bikini dell’estate scorsa!”

Il file in invio era un file exe o bat. I virus più ottimisti forse erano in .rar o .zip, con la speranza che li scompatti ed esegui il file.
Son sempre stato consapevole che dietro all’invio di un file che non ti ho richiesto, c’è un tentativo di truffa.

Vale anche per le mail. Mai aperto allegati sospetti da messaggi troppo invitanti. E vale anche per internet. Nell’era dello streaming, i programmi che ti fanno scaricare per vedere i film sono quasi sicuramente delle bombe ad orologeria. Spesso le pagine di download sono bombardate da bottoni fasulli dove puoi scaricare il magico programma che ti fà vedere film senza limiti di tempo.

Chi ci casca? A quanto pare parecchi, visto che queste cose sono il pane quotidiano di chi naviga.
Per quei parecchi che ci cascano, ecco gli antivirus. L’antivirus però riconoscerà il tentativo? Molti esperti ritengono che non siano sufficenti gli antivirus a bloccare tutto. Questi infatti sono spesso aggirabili facilmente dai programmi malevoli spacciati per benevoli.

Servono:

  • Poca fiducia in qualsiasi cosa si scarica.
  • Attenzione alla navigazione su siti che promettono uno scan antivirus online del pc, spesso proprio quei siti sono la causa di virus iniettati nel pc per far figurare il pc infetto e far acquistare il prodotto.
  • Stare attenti ai file ricevuti da programmi di messaggeria come Skype, Messenger, ICQ ecc.
  • Non aprire gli allegati delle mail se non si conosce la persona e il contenuto.

In conclusione, penso che gli antivirus altro non siano che grossi e ingombranti virus fini a se stessi. Una grossa truffa per chi ha paura di beccare virus e malware, quando basterebbe un po’ di conoscenza e consapevolezza del mondo dei pc per scampare agli “attentati”.

Sono comunque sicuro che gli antivirus servono alle persone meno esperte ad evitarsi tanti casini. Ma chi ha un po’ di dimestichezza, sà cosa fare e cosa non fare. E se dopo una vita di esperienza, un’antivirus qualunque mi segnala migliaia di malware nel PC, allora vuol dire che il mio pc dovrebbe esplodere a minuti. Se non rispondo ai commenti è perchè un’esplosione ha eliminato il Ticino dalla cartina geografica :P

Tu ne fai uso? Convincimi che sbaglio nei commenti ;)

[poll id=”6″]

Il prossimo articolo?

Ricevilo via mail o leggilo tramite Feed RSS
Abbonati!

Ricevi il prossimo articolo sul tuo indirizzo Email Leggi il mio prossimo articolo tramite Feed RSS



3 Risposte per “Windows e Antivirus: non ne faccio uso da anni!”

  1. areannunci.com scrive:

    Prima di risponderti vorrei sapere se: hai un firewall e se per caso hai disabilitato la possibilità di essere "pingato" da tutti. O se per caso hai l'antimalware installabile gratis da microsoft.. Comunque io uso gli antivirus (oggi avira, in passato avast, in fututo chissà) e firewall attivo, inoltre ho ben configurato il browser web per rendere piu sicura la navigazione, ma di certo non resto tranquillo e navigo responsabilmente come suggerisci.. :)

  2. Athos scrive:

    Dopo varie prove mi sono convinto che gli antivirus servono unicamente a rallentare tutto, i download in particolare.
    Non uso più nessun antivirus da quando frequentavo le chat, con windows XP Professional, il miglior antivirus, per me rimane il backup su altro HD naturalmente!Con Windows 7 a 64bit se devo ricorrere al backup è unicamente per colpa mia

  3. ShinVlad scrive:

    Esattamente come te, mi sono accorto da poco che gli antivirus sono utili solo a persone esageratamente sprovvedute, che, diversamente da quanto hai suggerito, scaricano e avviano file .exe da fonti per niente affidabili, cliccano sui vari link di spam nella posta elettronica, e tutto il resto. Per evitare con tranquillità tutto questo è sufficiente avere delle nozioni anche molto basilari di come difendersi dalle minacce del web. Vien da sé che l’antivirus è stato creato ed era più che utile nei tempi in cui i rischi di navigare su internet erano sconosciuti o addirittura poco diffusi. Per persone che con il computer se la cavano bene, l’antivirus è obiettivamente un ostacolo in ogni campo: rallenta le prestazioni, ti impedisce talvolta di importare file sicuri ma che rileva come falsi positivi, ti segnala ogni qualvolta minacce superflue, se è gratis ed è scaduto il periodo di prova ti fa sbucare ogni giorno la pubblicità, e ti rallenta il computer (l’ho già detto? Ah, sì).

    Al massimo suggerirei di utilizzare un programma gratuito con cui fare una scansione periodica, giusto per essere sicuri di non essere sommersi fino al collo di malware e co.

Lascia una risposta